^Inizio pagina
foto1 foto2 foto3 foto4 foto5

Asilo nido La Palma Birichina

Ultime notizie

SCONTO DIPENDENTI GUARDIA DI FINANZA E MARINA MILITARE
10% in meno sulla retta asilo per dipendenti guardia di finanza e marina militare.

CORSI DI PREPARAZIONE AL PARTO
Da aprile 2014 iniziano i corsi di preparazione al parto: 10 incontri al costo di 100,00 €.
Sono condotti da psicologa, pediatra, ostetrica.

APERTE LE ISCRIZIONI 2017/2018
Promozioni per chi si iscrive entro luglio. N
uove tariffe anti crisi.

 

L'asilo nido istituito nel 1971 con la legge 1044/71 è una istituzione di carattere assistenziale ed educativo derivante da esigenze della società moderna: la madre, pur avendo il diritto di usufruire di periodi di assenza dal lavoro per il primo anno di vita del bambino, ha spesso difficoltà a provvedere all'assistenza del piccolo; qui si inserisce il nido, che le viene in aiuto accogliendo minori dai tre mesi ai 3 anni di età. L’asilo nido La Palma Birichina , autorizzato dal Comune di Roma da molti anni persegue le finalità per le quali è nata tale tipologia di accoglienza giornaliera dei bimbi:

le finalità dell'asilo nido sono sostanzialmente tre:

  • educative, affiancando i genitori nella crescita dei loro figli, attraverso anche un Progetto Educativo stilato dagli operatori che comprende attività che cercano di soddisfare i bisogni dei bambini nel rispetto dei loro tempi di crescita;

  • sociali, offrendo ai bambini un luogo di socializzazione e di relazione con gli altri bambini;

  • culturali, in quanto offrono un modello culturale che non opera discriminazione di etnia,sesso, religione nell'erogazione del servizio, e sono inoltre luoghi di promozione della cultura dei diritti dell'infanzia

Per un inserimento sereno al nido

L'asilo nido è un ambiente, uno spazio fisico ed emotivo che consente al bambino piccolo di fare esperienze che lo aiutano nella crescita intellettuale (sviluppo delle abilità) e nella crescita emotiva (autonomia, capacità di tollerare il distacco dai genitori).

E' molto importante che l'inserimento del bambino in questo nuovo ambiente avvenga gradualmente, e che questo nuovo ambiente che lo accoglie sia percepito come in continuità col contesto familiare.

Per questo, quando un bambino inizia a frequentare l'asilo nido, vengono richieste partecipazione e collaborazione dei genitori. Inoltre gli inserimenti vengono fatti o singolarmente o a piccoli gruppi,con aumento graduale del tempo di presenza al nido, per garantire la massima attenzione ai bambini nuovi e per non sconvolgere l'equilibrio della classe già formata di bimbi. Per alcuni bambini sarà utile l’iniziale presenza per un breve tempo del genitore all’ingresso quotidiano al nido , per altri è sfavorevole . Le educatrici, in base al comportamento del bimbo, sanno indicare al genitore il momento adatto per iniziare a frequentare a tempo pieno l'asilo nido.

Tutti i bambini, con modalità diverse, vivono il momento di passaggio fra la situazione domestica (conosciuta e rassicurante) e quella nuova del nido con una fase di crisi( pianto -incubi notturni -rifiuto del cibo-paura di uscire da casa- iperattaccamento ai genitori e rifiuto degli altri parenti ) durante il tempo a casa. Ma se il percorso di inserimento verrà svolto dedicando molta attenzione alla rassicurazione e al contenimento delle paure del bambino, tutto si risolverà positivamente secondo i tempi specifici di ogni bimbo (una settimana-due, un mese-due)

Il bambino è spesso inizialmente ambivalente nei confronti della situazione nuova: ne è attratto e tenta di esplorarla e al tempo stesso è attirato dalla novità e cerca il contatto con la figura familiare come base sicura esitando a staccarsene o alternando momenti di immersione piacevole nel nuovo ambiente ad altri di intenso bisogno di contatto con i genitori che si manifestano, a seconda del temperamento e dello stile delle relazioni, nel pianto, nella fatica a lasciarli o in un’apparente rassegnazione non accompagnata da un coinvolgimento attivo nel nuovo ambiente.

Alcuni fattori possono favorire un sereno ambientamento del bambino:

  • Educatrici come figure di riferimento costanti per il bambino: è importante che il personale educativo sia costante, in modo da porsi come figura fissa di riferimento per il bambino (in parallelo ai genitori, figure di riferimento nel contesto familiare);

  • Collaborazione e fiducia tra genitori e educatricii: è molto importante che si crei un clima di fiducia e di rispetto reciproci, perché il bambino percepisca positivamente le sue figure di riferimento, sia i genitori sia le educatrici. Se viene a mancare questa sicurezza, nel bambino si crea confusione e paura, e la permanenza al nido diventa fonte di sofferenza.

  • Alcuni genitori (in particolare le mamme e le nonne) vivono un senso di colpa nel lasciare il bambino all'asilo nido, anziché occuparsi personalmente di lui tutto il giorno. Questo senso di colpa però, se percepito dal bambino alimenta e conferma la paura di abbandono del bambino stesso. La figura di riferimento familiare durante l’inserimento deve mostrarsi serena e sorridente nel lasciare il bimbo al nido e serena e rassicurante nel riaccoglierlo all’uscita.

  • Presenza costante dei genitori dopo l'asilo nido. Perché il bambino non viva un sentimento di abbandono , è importante che i genitori trascorrano con lui il tempo in cui non è al nido. La costante presenza dei genitori da al bambino la sicurezza del distacco: un distacco che è solo temporaneo, perché mamma e papà lo andranno a prendere e staranno con lui, perché gli vogliono bene. Questo comporta rinunciare a uscite serali per il primo mese (anche i primi due) di inserimento del bimbo al nido, cercare di lasciarlo meno possibile solo con i nonni o con una babysitter dopo il nido, cercare di stare insieme durante il week-end.

  • Rinforzare la positività del nuovo ambiente al bambino preparandolo ogni giorno emotivamente(per i bimbi oltre l’anno :anche questa mattina andiamo al nido dove tu giocherai un pò con altri bimbi e con le educatrici …………….poi viene la mamma a prenderti - quanto sei stato bravo a stare oggi al nido,la mamma appena ha potuto è venuta a prenderti, hai visto quanti giochi ci sono?quanti bimbi come te con cui giocare? )

Copyright 2014  LaPalmaBirichina